Quando i palazzi sono fatti di cielo

 

A volte basta poco, per creare dei piccoli capolavori. Chiedetelo a Peter Wegner, artista di successo formato a Yale che vanta collezioni permanenti al Museum of Modern Art e al Guggenheim, a cui è bastato capovolgere la sua fotocamera per dare (letteralmente) alle forme di New York una prospettiva nuova e decisamente insolita.

Proseguendo un percorso professionale concentratosi, negli anni, sull’intersezione bilaterale tra arte ed architettura,  Wegner ridefinisce, con la serie “Buildings Made of Sky” lo skyline newyorkese cambiando semplicemente punto di vista sulle poderose geometrie urbanistiche della città.

I “nuovi” palazzi, delineati dai veri grattacieli capovolti, lasciano quindi da parte finestre, mattoni e acciaio per fare spazio a nuvole, tramonti e toni scuri, creando, di fatto una sorta di città dentro la città.  La giungla di cemento della Grande Mela, per una volta, sembra meno cupa e più rassicurante che mai. Fenomenale.

Lascia un commento